Follie anti-nucleari

In Attualità, Energia e ambiente

Non sono un fan a tutti i costi del nucleare: ritengo che, prima di parlarne seriamente, sia necessaria un’attenta analisi sui costi che includa anche le possibilità di sviluppo tecnologico nei prossimi anni.

Tuttavia, da diplomato tecnico e studente nel campo STEM, ogni volta che leggo le ragioni ecologiste contro il nucleare mi viene un piccolo colpo al cuore.

E la ragione è semplice: sono ridicole!

Per prima cosa giova parlare un po’ di energia: per generare sufficiente energia per un Paese come l’Italia esistono essenzialmente due tecniche: la combustione in centrali termoelettriche, che l’Italia fa in loco, e la trasformazione dell’energia nucleare in calore che alimenta una turbina, che l’Italia ha delocalizzato in Svizzera e Francia. Esiste poi una forma di energia, rinnovabile, che può coprire un certo fabbisogno, ossia l’idroelettrico.

Le altre energie rinnovabili, ad oggi, sono favolette capaci di generare solo uno sputo d’energia e che vivono solamente grazie ai sussidi fatti da politici che credono di essere verdi e che, più di aiutare l’ambiente, aiutano le tasche di chi ha un bel tetto.

L’idroelettrico è molto bello, solo che è limitato. Se nel tuo territorio hai un tot di fiumi hai un tot di potenziale energetico, e l’Italia usa bene il suo.

Il termoelettrico è pessimo: ha una scarsa resa energetica e, soprattutto, scarica gran parte delle proprie scorie in aria.

Ciò nonostante gli “ecologisti” preferiscono continuare a inquinare quando l’energia nucleare scarica in aria solo vapore.

Certo, esistono le scorie radioattive, ma a differenza delle polveri sottili possono essere rinchiuse e stipate in modo sicuro e relativamente semplice.

Inoltre, i tanto vituperati Chernobyl e Fukushima hanno causato in totale poco più di 4’000 morti. In Italia, ogni anno, ci sono 22 Chernobyl solo di morti per inquinamento dell’aria, cosa che il nucleare potrebbe evitare in larga parte, sia direttamente, con la dismissione o la riduzione del termoelettrico, sia indirettamente con l’elettrificazione di servizi oggi non elettrificati come il riscaldamento (che in Giappone, paese fortemente nuclearista, è in gran parte elettrico).

Tra l’altro, in Italia, un incidente con le rinnovabili, quello del Vajont, ha fatto quasi la metà dei morti di Chernobyl. Nessuno che parla di dighe assassine o mai più idroelettrico, mentre l’errore umano a Chernobyl dovrebbe gettar fango su tutto il nucleare.

L’odio per il nucleare è figlio della stessa semplificazione del mondo che porta allo statal-collettivismo: se esistono i poveri è colpa dei ricchi e se abbiamo paura dell’atomo basta scrivere per legge che un pannello solare alimenta tutto ciò che vuoi e, nel frattempo, bruciare l’improbabile e inquinare l’aria all’inverosimile in attesa che l’utopia del pannellino diventi realtà.

Articoli consigliati
Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text. captcha txt

Inizia a scrivere e premi Enter per cercare