Risposta a La Repubblica -Liberalismo contro l’uguaglianza

In Attualità

Su LA REPUBBLICA, nella giornata di oggi, è uscita un’intervista al politologo polacco e insegnante a Oxford, Jan Zielonka, dal titolo “E’ l’uguaglianza l’unica chance del liberalismo“.

Egli si definisce un “liberale deluso” e ha scritto un libro dal titolo “Controrivoluzione. La disfatta dell’Europa Orientale.

Questo è, pertanto, un articolo in risposta a quanto viene sostenuto dal politologo polacco; la cui intervista parte dal presupposto che l’ascesa di Putin e di altre figure autoritarie, come pure in Europa – da Salvini e Orban -siano state causate, fra le tante cose, anche dagli errori del liberalismo all’interno dell’unione.

Prima e anche dopo aver letto l’intervista, è difficile capire in che modo il liberalismo possa avere delle colpe: L’individualista Feroce è stato fondato in un contesto che soffriva la mancanza di idee liberali, ma secondo Zielonka il liberalismo non solo è abbondantemente presente, ma avrebbe fatto pure danni.

Tuttavia, cerchiamo di approfondire queste affermazioni, analizzando la metodologia ed il tipo di retorica utilizzata per muovere l’invettiva contro il liberalismo; questa composta analogamente da argomentazioni che indicherebbero i liberali come portatori di improbabili colpe.


In primis, i liberali avrebbero compiuto dei gesti immorali e poco efficienti sulla gestione dei flussi migratori – questo farebbe riferimento agli attacchi militari compiuti sui territori dell’Afghanistan, ovvero del Medio Oriente –

Queste politiche avrebbero favorito l’instabilità generale. Acciò Vorrei fare una domanda: Perché la politica militare avviata dagli americani e dalla comunità europea negli ultimi 20 anni sarebbe necessariamente una colpa dei liberali?

Prendiamo l’Italia, uno dei paesi maggiormente colpiti dalla crisi migratoria.
Se analizziamo l’Indice della libertà Economica, l’Italia dal 1995 ad oggi ha il seguente andamento:
Tutela Diritti Privati: Nonostante un grave calo dal 2005 al 2016, l’Italia di oggi ha lo stesso livello di 23 anni fa, ma siamo lontani dal considerarci un paese liberale.
Carico Fiscale: Siamo passati dal 43% del 1995 al 55% di oggi. Proprio da paese liberale?

L’Interventismo statale: cresciuto del 25%.
La libertà di fare business: scesa del 14%.

Io penso che Zielonka si riferisca principalmente agli USA che all’Unione Europea, ma in luogo di fare affermazioni azzardate bisognerebbe innanzitutto rendersi padroni dell’argomento su cui si voglia inferire.

Una politica pubblica è composta da una moltitudine di ingredienti. Ingredienti come il contesto, il grado di popolarità del decisore, la cultura del decisore, lo stato d’animo del decisore e molte altre cose.
Per non dimenticare che anche un liberale può sbagliare, ma non equivale a considerare il liberalismo come la causa di tutti mali.

Ma lo stesso politologo continua sugli errori dei liberali nella questione migratoria, trovandosi impreparata al problema e diventando debole contro gli attacchi degli euroscettici.

Ma soprattutto condanna i liberali di aver incrementato la disuguaglianza in Europa. Sulla questione disuguaglianza, l’Individualista Feroce si è espresso più volte. Noi crediamo che il vero problema non sia la disuguaglianza, ma la povertà. Povertà e disuguaglianza non sono necessariamente la stessa cosa.

Ma ecco che la giornalista gli offre l’occasione per dire cosa dovrebbero fare i liberali per rialzarsi. Ecco, vediamo, questa è la prova del nove.


Zielonka afferma che “intanto recuperare democrazia ed eguaglianza […]. Negli ultimi trent’anni quelli che si definivano liberali hanno dato priorità alla libertà sull’eguaglianza. I beni economici hanno ricevuto più attenzione e protezione di quelli politici. E i valori privati sono stati accarezzati più dei valori pubblici. Ora occorre occuparsi di più di giustizia sociale“.

Mi viene in mente una frase di Margaret Thatcher:
Se nei valori borghesi rientrano l’incoraggiamento della diversità e della scelta personale, l’offerta di equi incentivi e ricompense per l’abilità e l’impegno nel lavoro, la conservazione di efficaci barriere contro l’eccessivo potere dello stato e la fede nella più ampia distribuzione della proprietà privata individuale, allora credo che siano valori da difendere“.

Il liberalismo è individualismo e incoraggiamento delle forze individuali. Un vero governo liberale punta ad una politica laica, democratica, liberista e meritocratica.

Laica perché non considera le religioni al di sopra delle decisioni politiche. Democratica perché considera le istituzioni l’unico strumento che possono garantire cittadini liberi e liberi cittadini. Liberista perché le regole all’interno di un meccanismo economico, non può essere influenzato dallo Stato. Meritocratica perché è l’unica vera forma di uguaglianza che è possibile garantire.

Ma soprattutto incoraggiare qualcuno non vuol dire mettere in difficoltà un altro. Direi, piuttosto, che sia la giustizia sociale l’unica in grado di produrre benefici per un costo a discapito del prossimo.

Come già accennato precedentemente, ma l’uguaglianza è un processo politico che deve essere avviato dall’accesso alle proprie risorse, senza costrizioni esterne, e non limitando chi è troppo avanti.

Questa non è giustizia sociale, ma è perdita della principale proprietà privata dell’uomo, la propria forza lavoro. L’uguaglianza, per un governo liberale, deve essere quella di mettere in condizione la persona di dare il meglio di sè.

In Italia e in Europa non è proprio così. Quindi le opzioni sono due, o il governatore che si definiva liberale è un imbroglione o gli altri non sono in grado di distinguere cosa sia liberale e cosa no. Non portare avanti una politica comunista non equivale automaticamente ad avviare una politica liberista.

In ogni caso, le politiche europee e, soprattutto, le politiche in Italia, sono esattamente lontane da quanto detto da Maggie.

Recent Posts
Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text. captcha txt

Inizia a scrivere e premi Enter per cercare