Eutanasia: Se fosse mia nonna, la porterei io.

In Attualità

Una campagna contro l’eutanasia, di movimenti estremisti cattolici, sta solcando la Penisola. Un esempio è questo:

Dico senza problemi che è estremismo per un semplice fatto: ho rispetto per tutte le religioni, anche se interpretate in senso stretto. Non ho alcun problema se un musulmano digiuna durante tutto il Ramadan, se un ebreo va in giro con la kippah o se un cattolico decide di arrivare vergine al matrimonio, è una scelta sulla propria vita e ha tutto il diritto di farlo.

Ma voler imporre agli altri qualcosa per la propria religione è estremismo. Se una persona malata sceglie di voler morire non dispone di alcun corpo eccetto il suo. Anche pensando all’eutanasia come una cosa negativa lo Stato non ha, tra i propri compiti, tutelare le persone da sé stesse. Io pago le tasse perché lo Stato protegga me dalle aggressioni altrui, non gli altri dalle proprie.

In modo molto pietoso si tenta di metterla sulla famiglia: permettetemi il francesismo, ma è, citando il ragionier Fantozzi, “una cagata pazzesca“. Il “non è vero che tocca solo l’individuo perché c’è la famiglia” me l’hanno citata in varie occasioni, anche parlando di droghe.

Allora dovremmo forse chiedere ai nostri soldati l’autorizzazione dei genitori, come alle scuole medie? In fin dei conti il principio della famiglia o vale sempre o non vale mai: lo Stato dovrebbe vietare i lavori pericolosi perché chi sceglie di farlo può causare un dispiacere alla famiglia?

E, soprattutto, mettiamola in modo più vicino alla persona, passiamo dalla famiglia all’individuo: vi piacerebbe dover morire tra atroci sofferenze contro la vostra volontà perché qualche puritano si sente offeso dalla libertà di scelta? Ricordatevi sempre che l’esistenza della libertà di scelta non danneggia mai chi farebbe una scelta, mentre l’assenza sì. In sintesi i contrari all’eutanasia non sarebbero obbligati a farne uso, mentre chi vuole farne uso, se proibita, non può.

“E se fosse tua nonna?” Se fosse gravemente malata, i medici le dessero poche speranze e decidesse di morire dignitosamente sarei dalla sua parte. Non ho diritto di far soffrire una persona che amo solo per l’egoismo di tenerla ancora qualche settimana su questa Terra.

Recent Posts
Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text. captcha txt

Inizia a scrivere e premi Enter per cercare