Privatizzare è sempre liberista?

In Economia

Privatizzare ovvero, a detta di qualcuno, la bestia nera del liberismo: quando si privatizza si sta per forza implementando un programma liberista, ovviamente “uno sfregio neoliberista allo Stato sociale sancito dalla nostra costituzione socialista“.

Ma è davvero così? No, infatti una privatizzazione non è sempre cosa liberista, lo è solo se effettuata nell’ottica di una liberalizzazione o di una riduzione della spesa pubblica.

Non sono privatizzazioni liberiste, ad esempio, quelle proposte per non dover alzare l’IVA; le privatizzazioni una tantum per fare cassa servono solo a rinviare il problema.

Per capirci, è come se una famiglia vendesse l’automobile per estinguere un debito salvo poi contrarre il medesimo debito l’anno successivo mantenendo il precedente livello di spesa. Vendere l’auto ha funzionato la prima volta, magari se hanno una seconda auto funzionerà ancora, ma quando finiranno i beni da vendere si scoprirà il vero problema, ossia che il livello di spesa non è sostenibile.

Un altro esempio di privatizzazione non liberista è quella delle concessioni autostradali. Con una lunga durata e scarsissima concorrenza, si sostituisce in sostanza al monopolio pubblico il monopolio privato.

Esempi, invece, di privatizzazioni liberiste sono il sistema pensionistico cileno di José Piñera, basato sulla capitalizzazione individuale, oppure quelle di Lady Thatcher che hanno trasformato milioni di britannici da semplici dipendenti a piccoli capitalisti.

Ma, senza andare troppo lontano, basterebbe pensare ad un comune che prima privatizza la sua società di trasporto pubblico locale per poi mettere a gara il servizio. In un caso del genere possiamo parlare di privatizzazione liberista poiché mirata a creare concorrenza per il mercato.

E, soprattutto, privatizzazioni del genere non negano a prescindere un ruolo del pubblico: in Italia abbiamo un ottimo esempio di sistema che permette a più vettori di concorrere sulle medesime tratte ferroviarie grazie ad un’infrastruttura fondamentale a gestione pubblica, cosa che in Stati dov’è avvenuta una privatizzazione monopolistica, come nel Regno Unito, diventa molto più ardua. Si tratta di un sistema sicuramente migliorabile, si potrebbe pensare di non avere più un vettore statale ma avere solo l’infrastruttura statale, eppure questo è un esempio di come lo Stato, se inteso nel senso liberale classico, possa essere un ottimo alleato della concorrenza e del mercato.

Articoli consigliati

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text. captcha txt

Inizia a scrivere e premi Enter per cercare