Facebook e i limiti della libertà di parola

In Attualità

Pochi giorni fa Mark Zuckerberg si è presentato di fronte al Congresso americano per rispondere alle domande dei parlamentari statunitensi sul suo progetto di cripto-valuta, Libra[1]. 60 fra deputati e senatori hanno avuto a disposizione 5 minuti a testa per interrogare il CEO di Facebook; e nonostante la causa ufficiale della convocazione, gran parte delle domande si è concentrata su tutt’altro, dallo scandalo Cambridge Analytica[2] alla discriminazione razziale nell’azienda.

La parte più interessante è stata per me la discussione che Zuckerberg ha avuto con alcuni deputati democratici (Rashida Tlaib, Jim Himes, Alexandra Ocasio-Cortez) sul tema della libertà di parola[3]. Tlaib ha accusato Facebook di non fare abbastanza contro i messaggi di odio condivisi sulla piattaforma e di non censurare i politici che usano linguaggio violento e discriminatorio; Ocasio-Cortez si è invece soffermata sulla questione fake news, chiedendo se Facebook interverrebbe per rimuovere palesi bugie postate da un politico; Himes, infine, ha chiesto a Zuckerberg cosa intende fare per promuovere una migliore consapevolezza negli utenti e una maggiore attenzione alla qualità del discorso pubblico.

Il CEO di Facebook ha provato a difendersi, sottolineando le difficoltà tecniche di fare ciò che i politici chiedono: la sua azienda non produce materiale giornalistico in proprio e non pone un filtro preventivo ai contenuti postati dagli utenti, per cui messaggi contrari alle policies della piattaforma possono non essere individuati immediatamente.

Zuckerberg ha poi allargato il suo ragionamento, spiegando che i discorsi dei politici sono di interesse pubblico e per questo non sono censurati (eccezioni a parte[4]) e concludendo con una frase che mi ha colpito: “I believe that people should be able to […] judge [politicians’] characters for themselves” (“Io credo che le persone dovrebbero giudicare i personaggi politici per conto proprio”)[5].

Nella maggior parte dei media (italiani[6] e stranieri[7]), l’audizione è stata vista come una severa e giusta “fustigazione pubblica” di Zuckerberg, colpevole di lasciare impunita, per pura avidità di denaro, la fascia di utenza che utilizza deliberatamente la piattaforma per promulgare idee di odio, violenza e bugie.

Pochi hanno preso sul serio e riflettuto sulle risposte del CEO di Facebook, che pure ha sollevato delle questioni molto importanti e delicate.

Al di là degli aspetti tecnici e legali (Facebook non è un giornale né può permettersi di censurare dei rappresentanti politici senza rischiare conseguenze), è profondamente sbagliato chiedere a un’azienda privata di controllare come si svolge il discorso pubblico.

Facebook è una piattaforma social, che permette agli utenti di condividere contenuti. Stop. Non è, e non deve essere, una “macchina della verità” che stabilisce cosa è vero e cosa è falso; tantomeno il suo compito è quello di “educare” i cittadini al pensiero critico.

È molto grave che dei rappresentanti del Congresso USA non si rendano conto di quanto siano pericolose le loro stesse proposte. Forse è ancor più grave che non se ne rendano conto i giornali. Gran parte delle dichiarazioni di politici possono essere considerate come false, o quantomeno imprecise: Facebook dovrebbe censurarle tutte?

Alexandra Ocasio-Cortez potrebbe diffondere il suo Green New Deal[8] in base a queste regole? Cosa significa chiedere alla piattaforma di promuovere una maggiore qualità del discorso pubblico? Significa censurare articoli e giornali in base al linguaggio utilizzato?

Tutti coloro che criticano l’eccesso di libertà di parola lo fanno sempre pensando alle opinioni che li disturbano o li preoccupano. Il problema è che una volta autorizzata la censura è molto difficile stabilirne il limite.


[1] Nelle intenzioni dei suoi proponenti (Facebook è solo una, anche se la principale, delle società coinvolte), Libra sarebbe una cripto-valuta per tutti coloro che non hanno accesso al sistema bancario, in tutto il mondo, agganciata ad un set di valute nazionali per garantirne la stabilità

[2] Lo scandalo Cambridge Analytica esplose all’inizio del 2018, quando si scoprì che l’omonima società inglese aveva raccolto illegalmente su Facebook i dati di milioni di utenti, a cui aveva successivamente inviato messaggi di propaganda elettorale

[3] L’audizione (sia in video che in trascrizione) può essere rivista integralmente a questo indirizzo: https://www.c-span.org/video/?465293-1/facebook-ceo-testimony-house-financial-services-committee&start=7914

[4] Rispondendo a Ocasio-Cortez, Zuckerberg ha dichiarato che Facebook censurerebbe incitamenti a violenza o dichiarazioni che impedirebbero l’effettivo esercizio del diritto di voto

[5] La risposta per esteso la si può trovare a questo link: https://www.youtube.com/watch?time_continue=1&v=8KFQx-mc2Ao, a partire dal minuto 3.30 circa

[6] Ad esempio:
https://www.bbc.com/news/technology-50152062;
https://www.cnet.com/news/congress-pillories-zuckerberg-over-libra-cryptocurrency/;
https://www.wired.com/story/mark-zuckerberg-endures-another-grilling-capitol-hill/

[7] Ad esempio:
https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/10/25/facebook-la-deputata-usa-ocasio-cortez-incalza-zuckerberg-durante-laudizione-al-congresso-il-video-fa-il-giro-del-mondo/5532310/;
https://www.ilsole24ore.com/art/facebook-ocasio-cortez-fa-pezzi-zuckerberg-congresso-ACqyTIu
https://www.giornalettismo.com/ocasio-cortez-zuckergberg-video/

[8] Il Green New Deal è un ambizioso programma di riconversione ecologica del sistema economico statunitense (qui la versione ufficiale presentata al Congresso: https://ocasio-cortez.house.gov/sites/ocasio-cortez.house.gov/files/Resolution%20on%20a%20Green%20New%20Deal.pdf) Molti critici lo considerano irrealistico e ritengono il suo costo pesantemente sottostimato (es. https://www.cato.org/publications/commentary/why-us-cant-afford-green-new-deal)

Recent Posts
Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text. captcha txt

Inizia a scrivere e premi Enter per cercare